Perchè scegliere un festival musicale?

Consigli sui viaggi Somewhere I Belong - Festival Musicale

Perchè scegliere un festival musicale?

Ogni anno, regolarmente, più ci avviciniamo all’estate e più sentiamo parlare di festival musicali, soprattutto negli ultimi tempi dove questi hanno acquisito una maggiore popolarità grazie alle condivisioni dei partecipanti sui social. A molti di noi questi eventi non interessano, magari perché in testa abbiamo tante altre idee di viaggio più allettanti, o magari perché semplicemente non siamo attratti dalla musica dal vivo.

Ma quando si parla di festival, in ballo non c’è solo questo, ed ecco il motivo per cui ora ti spiegherò perché UN FESTIVAL MUSICALE È UN’ESPERIENZA DA PROVARE ASSOLUTAMENTE!

Non sei amante della musica e i live ti annoiano? Magari pensi che ci siano molte altre cose più interessanti da poter fare?
Resetta tutto, perché in questi eventi c’è molto più di quello che pensi!

Anche io, prima di prendervi parte, credevo che i festival fossero “solo” una concentrazione di tanti artisti in una manciata di giorni (cosa che a me, appassionato di musica e concerti, già bastava per decidere di andarci).

Certo, la musica è la protagonista indiscussa, ma dietro ad essa c’è un grande corredo di esperienze che solo chi le vive in prima persona può capire, proprio come è successo a me!

Piccola doverosa precisazione: gli eventi di cui parlo non sono le manifestazioni dove si arriva il pomeriggio, si assiste ai concerti di 3-4 artisti, si rientra a casa (o in albergo) e si torna di nuovo sul posto il giorno seguente. NO! Parlo dei festival veri e propri, quelli internazionali (ahimè, in Italia non esistono), quelli che vivi h24 e che fanno musica h24, quelli dove la mattina alle 6 rientri in tenda e alle 11 sei già in giro a fare chissà cosa, quelli!

Consigli sui viaggi Somewhere I Belong - Festival musicale

Parliamo di festival che registrano centinaia di migliaia di ingressi, che montano decine di palchi per le esibizioni e che al loro interno costruiscono un piccolo mondo a sé stante.

È esattamente così che mi piace chiamarlo, perché è la sensazione che trasmette un ambiente di questo tipo. Entri, ti dai un attimo di tempo per ambientarti, e boom: di colpo ti accorgi che l’esterno non esiste più!

Ti ritrovi circondato da una marea di persone da ogni angolo del pianeta, tutte sorridenti e con un comune denominatore: divertirsi!
E quando dico ogni angolo del pianeta non esagero: una sera, mentre mi trovavo all’esterno di un capannone con un dj set in corso, mi venne a parlare una ragazza che poi scoprii provenire dalla Nuova Zelanda (eravamo in Ungheria!).
Un piccolo mondo perché all’interno del festival troverai di tutto: zone relax, artistiche, sportive, di gioco ecc.
Impossibile annoiarsi.
E sopratutto impossibile morire di fame: non riuscirai a percorrere 30m senza sentirti attratto da chissà quale baracchino pronto a deliziarti con piatti provenienti da ogni parte del mondo (a meno che tu non ti stia ancora riprendendo dalla sbornia della sera prima ????).

Ovviamente, se scegli di provare questa esperienza, devi anche essere consapevole di lasciare a casa i comfort per qualche giorno. Sai che dormirai in tenda in mezzo ad una distesa di accampamenti sconosciuti, che la polvere sarà la tua principale compagna, che i bagni e le docce di cui ti servirai saranno di comune utilizzo con mezzo mondo; tutte cose scomode, ma che fanno parte del pacchetto “vivi l’esperienza al 100%”.
Questi eventi offrono sempre anche soluzioni di pernottamento in hotel con ingresso all’evento ogni giorno, ma credimi, NON È LA STESSA COSA!
Sopportare queste piccole scomodità è il giusto prezzo da pagare per vivere un’esperienza che porterai con te per il resto della tua vita.
La cosa che in assoluto, all’interno di un festival, mi ha lasciato più il segno è stata vedere come tutte queste persone, diverse l’una dall’altra, fossero capaci di divertirsi insieme con totale semplicità. Mai una rissa, mai una discriminazione,  mai nulla di simile! Tutti uniti in un’unica grande collettività. Ecco anche perché è un mondo a sé stante: al suo interno non esistono differenze di razza, religione, ideologia politica e quant’altro, lì dentro si è tutti fratelli, incondizionatamente!
E questo è il vero motivo per il quale consiglio a chiunque di provare l’esperienza di un festival musicale internazionale. Lì Respirerai un’aria diversa, respirerai unione, serenità. Respirerai libertà!

Quindi parti, non aspettare di sentirti troppo cresciuto per queste cose (si sa, i festival sono frequentati da un pubblico giovane, e superati i 30anni potresti rischiare di sentirti fuori luogo). Cerca tra decine di eventi di ogni tipo (ce ne sono davvero tanti!) e prendi parte a questa avventura.
Hai bisogno di aiuto per scegliere il festival più adatto a te? Scrivimi e insieme troveremo la soluzione migliore!

Nessun commento

Posta un commento